Quale medico tratta le ghiandole salivari?

Infiammazione

Non sai quale dottore contattare?

Ti troveremo prontamente lo specialista e la clinica giusta!

Le ghiandole salivari possono periodicamente infiammarsi per vari motivi, e questa condizione è chiamata scialoadenite. Più spesso di altri, le ghiandole parotidi sono suscettibili di infiammazione (la malattia è nota come parotite o parotite), meno comunemente il sublinguale o sottomandibolare. Sia i virus che i batteri possono causare malattie.

Le ghiandole salivari sono di solito trattate da un dentista, ma a volte anche un medico può farlo. A volte l'ENT è attratto dal trattamento. Gli studi sulla tomografia computerizzata e le radiografie spesso aiutano a stabilire rapidamente e tempestivamente la diagnosi corretta.

Puoi contattare uno specialista se hai i seguenti sintomi:

  • la zona parotidea è gonfia e non si placa nel tempo;
  • dolore lancinante, proiettato sull'orecchio;
  • la temperatura corporea sale bruscamente, può raggiungere i 40 ° C;
  • la saliva va con striature purulente, di colore fangoso;
  • sensazione di bocca secca;
  • cambiamento nel gusto, difficoltà a deglutire;
  • perdita dell'udito temporanea.

Si consiglia ai pazienti con sialoadenite di aderire al riposo a letto, spesso viene indicato l'ospedalizzazione. Per ridurre l'intossicazione del corpo, è importante bere quanto più liquido possibile sotto forma di decotti di dogrose, bevande alla frutta, succhi, ecc.

Per prevenire le malattie, dovresti prenderti cura regolarmente dell'igiene orale: lavarsi i denti correttamente e sciacquarsi la bocca dopo ogni pasto. Anche il rafforzamento del sistema immunitario è un fattore importante.

Medico che cura le ghiandole salivari

L'infiammazione delle ghiandole salivari si verifica abbastanza spesso. Ciò è dovuto al fatto che la frequenza dei raffreddori aumenta di anno in anno e le percentuali di immunità sono ridotte. Pertanto, per l'infiammazione, è sufficiente un breve effetto del tiraggio o del raffreddore sui tessuti molli attorno alle ghiandole salivari.

L'infiammazione si manifesta in modi diversi. L'area intorno alla ghiandola interessata si gonfia e causa disagio alla persona.

Nell'uomo, 6 ghiandole salivari sono disposte in coppie. Quando la ghiandola parotide è infiammata, si osserva gonfiore vicino e dietro l'orecchio. Potrebbe anche essere errato dire che questo è un mioma dietro l'orecchio (una prigionia incurante, ovviamente, ma potrebbe sembrare una persona inconsapevole).

Quando la ghiandola sottomascellare si infiamma, si verifica gonfiore, che può essere confuso con l'infiammazione del linfonodo. In ogni caso, quando le ghiandole salivari si infiammano, le sentirai letteralmente durante il pasto, cioè durante la salivazione. Questa è una spiacevole sensazione di dolore, dolore dentro le ghiandole.

Non disperare, queste cose sono trattate abbastanza velocemente. Devi vedere un terapeuta. Forse ti riferirà al dentista. Se decidi di concederti, ricorda che in caso di fallimento, dovrai visitare un chirurgo che eseguirà una resezione della ghiandola.

A causa del fatto che le manifestazioni di infiammazione delle ghiandole salivari possono essere simili alle malattie degli organi ENT o del sistema linfatico faringeo, si può essere erroneamente inviati a un otorinolaringoiatra. Pertanto, parla in dettaglio dei tuoi sentimenti e presta attenzione a ciò che senti mentre mangi e al di fuori dei pasti, c'è qualche differenza.

Ti interesserà anche:

Infiammazione delle ghiandole salivari o scialoadenite - sintomi, cause e trattamento

Patologia infiammatoria della ghiandola salivare o scialoadenite è più spesso una malattia virale, che è accompagnata da gonfiore, dolore, ipo-salivazione, deterioramento del benessere generale. Ascessi, ulcere e pietre possono essere potenziali complicazioni. L'infiammazione infettiva della ghiandola salivare richiede un trattamento complesso con l'uso di farmaci antibatterici e fortificanti.

Una misura obbligatoria per la patologia complicata sarà la rimozione chirurgica delle pietre e la pulizia del pus. Quando compaiono i primi sintomi della patologia, è importante sapere quale medico consultare, cosa fare a casa e quali antibiotici prendere. Prima di tutto, la causa della malattia è stabilita, prima, prima di curare la patologia, per eliminare i suoi fattori provocatori.

Il contenuto

  • Eziologia della sialoadenite (infiammazione della ghiandola salivare) e classificazione
  • Sintomi e segni
  • motivi
  • diagnostica
  • Quale dottore contattare
  • Trattamento della sialoadenite
  • Terapia antibatterica
  • Trattamento chirurgico
  • Cosa fare con l'infiammazione della ghiandola salivare
  • Rimedi popolari
  • dieta

Qual è il nome infiammazione delle ghiandole salivari?

L'infiammazione delle ghiandole salivari è chiamata sialoadenite. Il nome della lesione dei dotti è la sialodochite. Questi sono cambiamenti patologici nelle ghiandole salivari grandi e piccole, accompagnate da una ridotta salivazione. La scialoadenite rappresenta circa il 55% di tutte le patologie delle ghiandole salivari. Molto spesso, l'infiammazione viene diagnosticata nei bambini e negli adulti si sviluppa prevalentemente dopo 50 anni.

Una forma frequente di patologia è la parotite. Questa è una malattia infettiva infantile. Inoltre, la scialoadenite può essere dovuta a patologie sistemiche studiate in reumatologia. C'è anche una lesione specifica che si verifica sullo sfondo della tubercolosi, della sifilide, dell'AIDS, ed è considerata nel quadro della venereologia e della fisiologia.

A seconda della forma della patologia, il medico deciderà cosa fare per una specifica malattia. Potrebbe essere necessario trattare non solo l'infiammazione, ma anche provocare la sua malattia principale.

  1. Acuta - virale e batterica.
  2. Cronico - parenchimale, sialodochite, interstiziale.

Le malattie virali comprendono parotite, influenza e virus della sclerosi da virus del citomegalovirus. Le lesioni batteriche si verificano più spesso dopo l'intervento chirurgico, quando un agente infettivo entra nel sangue e nella linfa, a causa dell'ostruzione (ostruzione) del dotto con oggetti esterni. Il corso acuto può svolgersi in più fasi: sieroso, purulento e necrotico.

La lesione parenchimale è un'infiammazione del parenchima della ghiandola, stroma interstiziale-connettivo. La sialodochite è chiamata infiammazione del dotto. Le forme croniche possono essere di origine specifica e non specifica.

Infiammazione della ghiandola salivare: sintomi

I segni di patologia negli adulti e nei bambini sono ben pronunciati. La malattia è accompagnata da:

  • il dolore;
  • erettile;
  • gonfiore sulle labbra, sulle guance, intorno agli occhi.

I sintomi specifici dell'infiammazione delle ghiandole salivari negli adulti compaiono nel periodo acuto e diminuiscono dopo il passaggio a un decorso cronico. Nella foto dei pazienti è possibile osservare i tipici cambiamenti: gonfiore nell'area della ghiandola infiammata che sembra un flusso sulla guancia. Più spesso, la scialoadenite viene diagnosticata nell'orecchio (parotide), meno frequentemente nel sottomandibolare (sottomandibolare) e sublinguale.

Ogni ghiandola produce un segreto: la saliva. Quando l'infiammazione dei suoi prodotti è disturbata, perché non soffre solo la cavità orale, ma anche l'intero tratto gastrointestinale. La saliva è necessaria per ammorbidire il cibo e facilitare l'entrata nello stomaco. L'infiammazione cronica è spesso accompagnata da disfagia - una violazione della deglutizione. Ciò è dovuto alla difficoltà di deglutire il cibo non sufficientemente addolcito.

I principali sintomi della sialoadenite:

  • arrossamento e gonfiore del viso con diffusione al collo;
  • linfonodi ingrossati sotto l'orecchio e la mascella;
  • cambiamento nel gusto;
  • dolore mentre si mangia e ci si pensa;
  • bocca secca;
  • difficoltà a deglutire il cibo;
  • malessere generale, mancanza di respiro, febbre;
  • sapore sgradevole in bocca;
  • difficoltà ad aprire la bocca.

Nei casi acuti, i sintomi compaiono e scompaiono all'improvviso. I dentisti spesso si trovavano di fronte a un complicato corso di patologia, quando, dopo che i sintomi si erano attenuati, il paziente ignorava il problema e non cercava aiuto. Anche in assenza di sintomi, la scialoadenite non passa, passa allo stadio successivo, più grave.

Senza un trattamento tempestivo, l'infiammazione della ghiandola salivare diventa una lesione purulenta e necrotica. Un tale corso di patologia sarà già un'indicazione per la chirurgia. Le complicanze comuni della sialoadenite sono:

Si manifestano come l'aumento dei sintomi esistenti e l'emergere di nuovi, ad esempio, un aumento della temperatura.

Infiammazione della ghiandola salivare: cause

Le principali cause di infiammazione delle ghiandole salivari negli adulti sono associate a una lesione infettiva. Gli agenti causali della patologia saranno agenti batterici e virali. I primi entrano nella ghiandola dalla cavità orale o dai fuochi distanti. La scialoadenite e l'infiammazione dei dotti possono essere causate dalla cellulite dei tessuti circostanti. L'infezione da linfa si verifica più frequentemente quando vengono trasferite patologie respiratorie, tra cui polmonite, tracheite e mal di gola.

Le cause frequenti sono le malattie infiammatorie della regione maxillo-facciale. Questa parodontite, foruncoli, bolle, congiuntivite. Sialadenite associata a corpi estranei, può verificarsi con scialolitiasi, ingestione di particelle di cibo, villi di uno spazzolino da denti, fosse.

L'infiammazione virale si verifica spesso sullo sfondo di:

  • infezione da citomegalovirus (CMV);
  • virus herpes simplex;
  • l'influenza;
  • adenovirus;
  • paramyxovirus;
  • Virus Epstein-Barr.

L'infezione della ghiandola avviene principalmente attraverso la bocca del dotto escretore. Sono anche possibili vie di infezione linfatiche, ematogene. I fattori che provocano la malattia saranno un'immunità indebolita, frequenti malattie infettive, malattie respiratorie croniche.

Il ristagno salivare durante l'iposalivazione può contribuire all'infiammazione. Meno spesso, la causa è un intervento chirurgico sugli organi addominali. La cura inadeguata del buco dopo l'estrazione del dente può contribuire all'infezione. Persone a rischio di soffrire di anoressia, xerostomia, sottoposti a radioterapia.

Esame con scialoadenite

Prima di trattare la scialoadenite, è importante stabilirne la causa, la posizione, lo stadio e la forma. Questo è possibile attraverso l'esame esterno, la diagnostica strumentale e di laboratorio.

L'esame delle ghiandole salivari per l'infiammazione comprende:

  • esame biochimico, citologico, microbiologico della saliva;
  • biopsia;
  • saggio immunoenzimatico;
  • esame ecografico;
  • termografia, sialotomografia;
  • sialoscintigrafia, scialografia.

La diagnosi differenziale della malattia viene effettuata con una cisti, linfoadenite, malattia della pietra salivare, neoplasie benigne e maligne, sialadena.

Quale medico cura l'infiammazione della ghiandola salivare

A seconda dell'età, dei disturbi associati e delle cause, la scialoadenite può essere rilevata da diversi specialisti.

Quale medico consultare dipende dalla causa e dalle manifestazioni della malattia:

  • pediatra (se il bambino è malato);
  • reumatologo;
  • specialista in malattie infettive;
  • un chirurgo;
  • specialista in tubercolosi;
  • un dentista;
  • al venereologo.

Il trattamento sarà gestito da un dentista, un chirurgo dentale, malattie infettive. Quando scialadenite si verifica sullo sfondo delle patologie sistemiche, il paziente è guidato da un medico specializzato, a seconda della malattia di base.

Infiammazione della ghiandola salivare: trattamento

Il trattamento complesso della sialoadenite comprende farmaci, l'uso di droghe locali, la fisioterapia. L'infiammazione delle ghiandole salivari, il cui trattamento non produce risultati, richiede un'operazione. Come e cosa trattare scialoadenite, determina solo il medico curante dopo l'esame e l'identificazione della causa.

Quali sono le misure prese per trattare la scialoadenite:

  • prendere mezzi per migliorare la salivazione nella sconfitta dei piccoli dotti delle ghiandole salivari;
  • prendendo agenti antibatterici per la patologia batterica, vengono selezionati antibiotici, a seconda dell'agente patogeno e della sensibilità dei microrganismi;
  • assumere farmaci sintomatici - antinfiammatorio, analgesico, sedativo, antipiretico;
  • passaggio di procedure fisioterapeutiche - elettroforesi, galvanizzazione, fluttuazione, UHF;
  • condotti di bougienage in presenza di stenosi;
  • trattamento chirurgico per la scialoadenite complicata.

La fisioterapia è indicata per il decorso cronico della malattia. Nel caso di una malattia frequentemente ricorrente, viene presa in considerazione la rimozione della ghiandola salivare. Il trattamento è sempre completato dalla dieta e dall'assunzione di agenti fortificanti, vitamine e microelementi.

Il trattamento per edema grave e grave infiammazione è completato dal blocco della novocaina-penicillina. Con lacrimazione concomitante a causa di edema, sono indicati i colliri - Pilocarpina. Le soluzioni per via endovenosa possono essere somministrate Kontrikala e Trasilola.

In un corso cronico, il medico può prescrivere un massaggio gengivale con la somministrazione simultanea di agenti antibatterici. Per la prevenzione delle esacerbazioni, vengono mostrati i blocchi di novocaina, l'elettroforesi con galantamina o la sua introduzione sotto la pelle durante un mese.

Quali antibiotici sono usati per trattare la sialoadenite

Gli antibiotici per l'infiammazione della ghiandola salivare sono selezionati da un medico. Farmaci più spesso prescritti per la somministrazione orale. Viene anche indicato l'uso di antibiotici per il trattamento locale - Dimexide. In caso di parotite epidemica, un agente antibatterico viene iniettato nella ghiandola.

Nell'infiammazione sierosa vengono prescritti farmaci sulfurei. Sono accettati entro 5 giorni. In caso di flusso purulento, vengono utilizzate penicillina e streptomicina, che vengono somministrate per via intramuscolare. In caso di decorso grave, Digran è prescritto per l'ingestione.

Trattamento chirurgico

Quando la terapia conservativa fallisce, si consiglia la chirurgia. Consiste nell'apertura di ascessi o rimozione di pietre, a seconda delle complicazioni. L'accesso intraorale è utilizzato per l'infiammazione dei dotti e la localizzazione della lesione nella ghiandola sottomandibolare.

Nel caso della parotite, l'incisione viene eseguita nella mascella inferiore o nell'arco zigomatico. La necrosi dei tessuti produce entrambe le incisioni, il ferro e i dotti vengono lavorati, la ferita viene lavata.

Le indicazioni per la chirurgia possono essere:

  • infiammazione calcanea;
  • formazione di ulcere;
  • ascesso e necrosi;
  • pietre nei condotti.

Dopo l'intervento, al paziente vengono prescritti antibiotici e agenti sintomatici. Il periodo di recupero implica anche l'osservanza di una dieta moderata. Dopo l'intervento chirurgico, il rischio di recidiva è ridotto al minimo e completamente eliminato quando la ghiandola viene rimossa.

Cosa fare in caso di infiammazione delle ghiandole salivari: cosa trattare a casa

Il trattamento domiciliare consiste nell'assunzione di farmaci prescritti da un medico, nel mantenimento dell'igiene orale e nel seguire le raccomandazioni generali per la prevenzione delle complicanze. Per fare questo, è necessario sapere come risciacquare e gestire la bocca. Ulteriore trattamento è l'uso di rimedi casalinghi - tinture, decotti, impacchi, unguenti, applicazioni. Aiutano ad alleviare l'infiammazione e ridurre il gonfiore.

Che trattamento è possibile a casa:

  • trattamento della mucosa orale con gel anti-infiammatori;
  • risciacquo della bocca con decotto di erbe;
  • ricevere agenti fortificanti;
  • applicare compresse alla zona interessata.

Per prevenire complicazioni, è importante monitorare la purezza della cavità orale. Dopo ogni pasto, sciacquare la bocca con le erbe o una sciacquatrice speciale con ingredienti antibatterici. I fumatori sono incoraggiati a rinunciare all'abitudine per il periodo di trattamento. È anche importante escludere l'alcol, i piatti caldi, aspro, troppo salato e pepato. L'infiammazione dei dotti richiede anche seguire le regole della nutrizione.

Trattamento di rimedi popolari

Qualsiasi rimedio popolare dovrebbe essere coordinato con il medico. L'autotrattamento è pericoloso, perché molte ricette comportano l'uso di erbe che possono causare allergie. Per il trattamento è meglio applicare ricette comprovate. Dovrebbe essere chiaro che la cialadenite non può essere curata con rimedi popolari, e sono considerati solo come una misura ausiliaria.

Ricette della medicina tradizionale per la sialoadenite:

  • infusioni di cicuta, radice di celidonia per somministrazione orale;
  • comprime da ricotta (formativo), celidonia, carote grattugiate;
  • decotti di menta, foglie di lampone, camomilla, immortelle, corteccia di quercia per somministrazione orale;
  • unguento da cenere di betulla, grasso di maiale, catrame di betulla per uso esterno.

La propoli sarà utile nell'infiammazione della ghiandola salivare. Nella quantità di 20 g, viene versato con alcool, infuso per una settimana. Mezzi accettati per 20 gocce, diluiti in un bicchiere d'acqua. L'uso di propoli può essere combinato con la mummia. Quest'ultimo viene posto sotto la lingua 2 volte al giorno per un mese. La propoli può essere masticata giornalmente, dopo di che la bocca viene accuratamente risciacquata.

Dieta per l'infiammazione della ghiandola salivare

Quando scialoadenite è necessario mangiare spesso in piccole porzioni. Il cibo è importante per tagliare bene. Durante il periodo di sintomi dovrebbe essere consumato solo cibo liquido e purè di patate. I medici raccomandano di seguire una dieta salivare. Include prodotti che aumentano la secrezione delle ghiandole salivari. Questi includono:

La dieta è completata con l'assunzione di una soluzione di acido cloridrico pilocarpina. Questa sostanza aiuta a ridurre i dotti, che stimola la secrezione.

Per prevenire la recidiva dopo il trattamento, si dovrebbe visitare regolarmente il dentista per la riabilitazione. Un regolare collutorio con brodi e soluzioni antisettiche aiuterà a prevenire la congestione.

Infiammazione della ghiandola salivare: quale medico consultare con scialoadenite

Questo tipo di malattia, come l'infiammazione delle ghiandole salivari, è considerata una patologia pericolosa, un sospetto di cui è sufficiente vedere un medico. Che tipo di specialista tratta la scialoadenite. E se hai il sospetto di un'infiammazione delle ghiandole salivari, quale dottore dovresti cercare aiuto in primo luogo.

I sintomi della scialoadenite sono simili alla parotite. Pertanto, per essere sicuri che nel tuo caso avvenga infiammazione della ghiandola salivare, di cui il dottore è necessario qui, la risposta è ovvia - uno specialista di malattie infettive.

La scelta finale del medico dipende dai sintomi della malattia e dai risultati della diagnosi primaria.

La ghiandola salivare si è infiammata e il medico dovrebbe essere consultato per la diagnosi.

Tra i metodi diagnostici utilizzati nei casi di sospetta scialoadenite, scialografia e ecografia si distinguono principalmente. Se le ghiandole salivari ti fanno male, a quale dottore non dovresti più pensare, vai ad un appuntamento con un terapeuta. Questo specialista medico sarà il tuo primo assistente sulla via della guarigione:

  • condurrà un'ispezione primaria;
  • darà la direzione delle prove;
  • Prenderà un appuntamento con medici strettamente specializzati.

Sintomi di scialoadenite

I sintomi della malattia sono difficili da perdere, perché la malattia si fa sentire in modo piuttosto attivo. In alcuni casi, non è nemmeno necessario scoprire quale medico tratta le ghiandole salivari, poiché le sensazioni dolorose ti costringono a chiamare un'ambulanza.

Tra i sintomi più frequenti, ci sono:

  1. Aumento della temperatura
  2. L'aumento delle ghiandole salivari in termini di dimensioni.
  3. Dolore al collo, alla bocca.

Prima volta quando una persona inizia a soffrire della ghiandola salivare, a cui rivolgersi per curarsi, può anche non pensare, diagnosticare erroneamente la malattia con il raffreddore. Abbastanza spesso, un tale atteggiamento frivolo alla salute porta al fatto che poi devi andare dai medici attraverso una chiamata ambulanza. E questa è un'altra metà del problema, se inizi il trattamento dell'infiammazione della ghiandola salivare, allora puoi recuperare solo dopo l'intervento.

Offriamo di vedere una foto dei sintomi di infiammazione della ghiandola salivare in un video clip tematico.

La pressione è un altro sintomo che segnala lo scialoadenite. In questo caso, i sintomi sono i seguenti: nell'area dell'infiammazione si avvertono continue tensioni innaturali.

Se hai qualche sintomo di infiammazione delle ghiandole salivari, quale medico puoi contattare, lo sai già, prima di tutto, questo è un terapeuta. Anche se possibile, puoi andare immediatamente alle malattie infettive.

In ogni caso, il trattamento è meglio non ritardare, perché i sintomi del dolore segnalano processi infiammatori, la formazione di essudato purulento, che può sfondare in qualsiasi momento. Bene, anche se l'accumulo purulento cadrà nella cavità orale.

Trattamento delle ghiandole salivari per l'infiammazione

Se il processo infiammatorio è acuto e la situazione è prossima a quella critica - la chirurgia, gli antibiotici sono usati per trattare la malattia. Dal momento che hai già capito quale medico affrontare con l'infiammazione delle ghiandole salivari, capisci anche che il trattamento deve essere preso il più seriamente possibile.

Oltre ai farmaci prescritti dai medici, non perdere l'opportunità in più di aiutarti:

  • masticare il cud;
  • mangiare agrumi;
  • prendere vitamine

Se i processi infiammatori nella ghiandola salivare sono di natura cronica, l'uso di antibiotici sotto forma di compresse non è più efficace. In questo caso, il trattamento si basa sull'introduzione del farmaco direttamente nella ghiandola.

Nella maggior parte dei casi, l'accesso tempestivo ai medici consente di affrontare la malattia con metodi terapeutici. L'intervento chirurgico è usato raramente, quindi non ha senso posticipare una visita dal medico a causa della paura. Chiedere assistenza medica in modo tempestivo e tutto sarà in ordine.

Infiammazione della ghiandola salivare a cui il medico deve consultare

Infiammazione della ghiandola salivare: sintomi, trattamento e foto

Le ghiandole salivari occupano un posto importante nel processo di digestione primaria del cibo che entra nel corpo e allo stesso tempo lo proteggono. La funzione protettiva è che la saliva è una barriera per molte infezioni e batteri, inoltre, grazie ad essa, i denti e la mucosa della bocca non si asciugano.

Nella bocca di una persona ci sono tre paia di grandi ghiandole salivari e molte piccole. Quelli grandi sono parotidi, sublinguali e sottomandibolari. Circa 1-2 litri di saliva sono sintetizzati ogni giorno nel corpo umano. Quando le ghiandole salivari si infiammano, la composizione e il volume della secrezione salivare cambiano, con il risultato che il normale funzionamento dell'apparato digerente diventa impossibile, il grado di protezione della cavità orale diminuisce.

Cause di infiammazione delle ghiandole salivari parotidi, ipoglossali e sottomandibolari

La causa dell'infiammazione delle ghiandole salivari (sialoadenite) è la penetrazione di batteri e virus in esse e i dotti sono bloccati. L'infiammazione può verificarsi a seguito di un'infezione virale, ad esempio in caso di influenza o polmonite.

La sconfitta delle ghiandole parotidee di un'infezione virale è chiamata parotite o parotite. Questo è il tipo più comune di infiammazione delle ghiandole salivari.

La maggior parte dei bambini soffre di parotite, ma questa malattia si riscontra anche tra gli adulti. In questo caso, il trattamento è più difficile e richiede più tempo.

Le cause dell'infiammazione della ghiandola salivare possono essere batteri - pneumococchi, stafilococchi, streptococchi. L'attività dei batteri aumenta come risultato di uno stato generale sfavorevole, una diminuzione dell'immunità.

L'infiammazione può verificarsi dopo l'intervento chirurgico. Gli anestetici, somministrati prima dell'operazione, inibiscono l'attività delle ghiandole salivari. Pertanto, dopo tale procedura, è assolutamente necessario osservare l'igiene orale.

Le ghiandole salivari parotidee sottomandibolari e sublinguali sono spesso infiammate nelle persone con cancro a causa di una diminuzione generale dell'immunità.

L'infiammazione delle ghiandole salivari può causare l'inedia prolungata, l'esaurimento o la disidratazione del corpo umano.

Un altro modo di infezione nei dotti salivari è da linfonodi infiammati, aree colpite durante stomatite, denti malati e gengive infiammate.

Ci sono casi di infiammazione delle ghiandole salivari parotidee sottomandibolari e sublinguali nei bambini alla nascita, e questo è causato dal citomegalovirus. L'infezione si verifica durante la gravidanza, il virus passa attraverso la barriera placentare e colpisce il feto.

A volte è impossibile identificare una causa di infiammazione nelle ghiandole salivari, ce ne possono essere diverse in una volta.

Sintomi di infiammazione delle ghiandole salivari

Quando si verifica l'infiammazione della ghiandola salivare parotide, si osservano sintomi quali un aumento delle dimensioni della ghiandola, cioè gonfiore del viso nella sua sede, dolore alla pressione, febbre, aumento del mal di testa, cessazione della saliva, secchezza delle fauci.

Un aumento della ghiandola salivare parotide durante l'infiammazione può portare a costrizione del condotto uditivo, perdita dell'udito completa o parziale.

I sintomi di infiammazione delle ghiandole salivari sottomascellari e sublinguali sono: dolore sotto la mascella inferiore e sotto la lingua, durante l'apertura della bocca, gonfiore, a volte rossore, febbre. Succede che tutte e tre le coppie di grandi ghiandole salivari si infiammano contemporaneamente.

Foto di infiammazione delle ghiandole salivari

Di seguito sono riportate le foto dell'infiammazione della ghiandola salivaria parotide:

Le foto con infiammazione delle ghiandole sottomandibolari e sublinguali appaiono molto sgradevoli, quindi ho deciso di non pubblicarle.

Trattamento dell'infiammazione delle ghiandole salivari

Se vengono identificati uno o più sintomi caratteristici dell'infiammazione delle ghiandole salivari, è necessario consultare un medico. Il trattamento è veloce se lo si avvia con una leggera infiammazione.

Risciacquando la bocca con soluzione di soda, soluzione di permanganato di potassio (permanganato di potassio) o furatsilin contribuirà ad alleviare i sintomi di lieve infiammazione della ghiandola salivare e curarla rapidamente.

Spesso sorge la domanda, che il medico dovrebbe essere trattato per l'infiammazione delle ghiandole salivari. Dato che stiamo parlando della salute della cavità orale, dovresti contattare un dentista.

Se compare pus premendo sull'area infiammata, il chirurgo che eseguirà un'autopsia dell'area infiammata non dovrà più fare a meno di rimuovere il pus e di drenare il pus.

Nel trattamento dell'infiammazione delle ghiandole salivari, gli agenti antipiretici sono utilizzati per alleviare i sintomi della febbre - ibuprofene, paracetamolo.

Durante il trattamento, i medici raccomandano di mangiare più salati, cibi acidi, gomme da masticare per stimolare la salivazione.

La fisioterapia aiuta nel trattamento dell'infiammazione delle ghiandole salivari: elettroforesi, solux (trattamento termico), UHF, irradiazione UV delle aree infiammate.

L'infiammazione acuta con una sindrome del dolore pronunciata e l'alta temperatura è trattata con l'uso di agenti antibatterici. Un appuntamento deve essere fatto dal medico curante.

La parotite, che è più comune nei bambini, oltre alle ghiandole salivari, può colpire altre ghiandole (sesso, pancreas, fermenti lattici) e tessuti nervosi. È estremamente importante nel trattamento della parotite al fine di evitare la diffusione dell'infezione per conformarsi al riposo a letto.

Nei casi gravi, la malattia può causare danni al cervello o al sistema nervoso centrale e causare meningite, encefalite.

Per la prevenzione, è necessario monitorare la condizione della cavità orale, per prevenire lo sviluppo di processi infiammatori in bocca, per curare carie e malattie gengivali nel tempo. Esegui periodicamente un esame della bocca, visita regolarmente il dentista. Altrimenti, l'infiammazione delle ghiandole salivari può assumere una forma cronica.

Sialadenitis - infiammazione della ghiandola salivare sottomandibolare

Lo scopo principale delle ghiandole salivari è di produrre la saliva che esce attraverso i dotti nella cavità orale. Ci sono tre paia delle principali ghiandole salivari: la parotide, sottomandibolare e sublinguale.

Il più delle volte, il processo infiammatorio - un fenomeno secondario, come la causa alla radice nella maggior parte dei casi sono varie infezioni virali.

Una o entrambe le ghiandole possono essere infiammate, in questo caso si tratta di uno sviluppo unilaterale o bilaterale della malattia. Avendo un'idea dei sintomi, del trattamento e della prevenzione dell'infiammazione della ghiandola salivare sottomandibolare, si può risolvere in modo efficace e abbastanza rapido il problema della sialoadenite, che a volte si verifica in isolamento, cioè è una malattia indipendente.

Ghiandole salivari sottomandibolari si trovano su entrambi i lati sotto la mascella nella regione dei denti posteriori. La saliva prodotta da queste e da altre ghiandole svolge un ruolo importante nella fase iniziale della digestione degli alimenti.

Inoltre, svolge una funzione protettiva, prevenendo la possibilità di infezione nel corpo. A causa della saliva non secca secchezza e denti.

Il tasso di produzione di saliva al giorno è 1-2 litri. Se le ghiandole si ostruiscono e si sviluppa il processo infiammatorio, la quantità e la composizione della saliva cambiano, il che porta all'interruzione dell'apparato digerente e alla diminuzione delle funzioni protettive.

Cause di sialoadenite

L'infiammazione delle ghiandole salivari grandi e piccole, in particolare del sottomandibolare, si sviluppa a causa di vari motivi. Il processo patologico nella maggior parte dei casi copre solo una coppia di ghiandole.

Sialadenite della ghiandola salivare sottomandibolare può derivare da:

  • sviluppo della malattia della pietra salivare, in cui si formano pietre di varie dimensioni nel dotto o nella ghiandola sottomandibolare (dai piccoli granuli sotto forma di grani di sabbia a quelli grandi, di 1-2 cm di diametro);
  • infezioni virali (sifilide, tubercolosi o actinomicosi);
  • infezione da focolai di carie;
  • la presenza di processi infiammatori nella cavità orale;
  • digiuno prolungato, esaurimento, disidratazione del corpo, che porta a una diminuzione dell'immunità;
  • procedure chirurgiche, durante le quali si utilizzano anestetici che inibiscono la salivazione.

Inoltre, la scialoadenite può essere diagnosticata nei neonati che sono in utero infetti dal virus citomegalico.

Se la formazione di calcoli ha portato allo sviluppo dell'infiammazione, il paziente ha un blocco o restringimento dei dotti salivari.

Solo uno specialista altamente qualificato è in grado di determinare esattamente cosa ha portato al verificarsi di sialoadenite: in alcuni casi ci sono diverse ragioni.

I sintomi della malattia

Molto spesso, un paziente che viene a vedere un medico nota la presenza di tali sintomi di infiammazione della ghiandola sottomandibolare:

  • formicolio, lacerazione al posto della formazione di pietra;
  • gonfiore delle ghiandole durante i pasti;
  • scarico dai dotti di saliva consistenza viscosa con muco o pus;
  • dolore parossistico nel pavimento della bocca a causa di un ritardo nel deflusso della saliva;
  • mancanza di saliva, sensazione di secchezza e sapore amaro in bocca;
  • dolore acuto durante la deglutizione di cibo o liquidi;
  • gonfiore che si estende fino alla parte anteriore del collo;
  • iperemia della pelle nell'area problematica;
  • deterioramento della salute;
  • aumento della temperatura corporea (fino a 39 ° C);
  • intossicazione del corpo.

Se la causa dello sviluppo dell'infiammazione è associata alla presenza di un corpo estraneo, vi è un ispessimento e un ingrossamento della ghiandola, dolore doloroso, possibile formazione di pus e la diffusione del processo infiammatorio sul fondo della cavità orale.

Questi sintomi appariranno finché un corpo estraneo non sarà rilasciato attraverso il condotto. Quando l'assistenza medica viene fornita in tempo, il paziente recupera e recupera rapidamente.

Foto di infiammazione della ghiandola salivare sottomandibolare

La forma acuta della malattia è caratterizzata da sintomi pronunciati. L'esacerbazione può portare a suppurazione e ascesso. In questi casi, il paziente richiede un ricovero urgente.

Ci può anche essere scialoadenite cronica della ghiandola salivare sottomandibolare, che si sviluppa come una malattia concomitante sullo sfondo di gravi malattie: artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, lupus eritematoso, ecc. In questo caso, il dolore è assente.

Per una condizione cronica caratterizzata da un graduale aumento della ghiandola e dalla crescita del tessuto connettivo nello stroma, che porta alla compressione del dotto.

Al fine di evitare tali gravi conseguenze di una forma acuta di scialoadenite come ascesso, fusione e necrosi del tessuto ghiandolare, ai primi segni del processo infiammatorio, è necessario consultare immediatamente un medico.

Quando compaiono i primi segni di sialoadenite, dovresti immediatamente vedere un appuntamento con uno specialista che determinerà le ragioni che hanno provocato lo sviluppo del processo infiammatorio e prescrive il trattamento necessario. Inoltre, per fare una diagnosi accurata, il paziente dovrà passare analisi sierologiche e batteriche.

La terapia includerà:

  • assumere farmaci antibatterici, antimicotici o antivirali, nonché antibiotici, a seconda del tipo di patogeno;
  • lavare la cavità interna della ghiandola con una soluzione antibatterica (attraverso uno speciale catetere inserito nel condotto);
  • l'introduzione nella cavità orale di Pilocarpina sotto forma di soluzione acquosa all'1% per alleviare lo spasmo del dotto;
  • l'uso di compresse esterne basate su Dimexide, che vengono applicate al sito di infiammazione;
  • conduzione del blocco novocanico (con sialoadenite cronica);
  • procedure fisioterapeutiche: UHF, elettroforesi, fluttuazione, galvanizzazione;
  • massaggio della ghiandola salivare;
  • risciacquare la bocca con permanganato di potassio, soluzione di soda o furatsilinom (con un leggero processo infiammatorio);
  • l'uso di antipiretici a temperature elevate (paracetamolo, ibuprofene).

In caso di suppurazione e sviluppo di un ascesso, il chirurgo esegue un'apertura dell'area infiammatoria per rimuovere il pus. Inoltre, una fistola può essere una complicazione della scialoadenite. stenosi dei dotti della ghiandola, deterioramento del suo funzionamento, violazione del processo di salivazione, malattia della pietra salivare.

Semplici consigli possono aiutare ad accelerare il processo di guarigione:

  • osservanza del riposo a letto;
  • mangiare una consistenza liquida o viscosa;
  • regime di bere corretto, compresa una quantità sufficiente di liquido;
  • eliminazione di intossicazione;
  • condurre manipolazioni volte a migliorare il flusso sanguigno.

Il trattamento prescritto dipenderà da fattori quali l'intensità dello sviluppo dell'infiammazione della ghiandola sottomandibolare, le condizioni generali del paziente, le cause della malattia, l'intolleranza individuale ai componenti dei farmaci, ecc.

Misure preventive

Per evitare lo sviluppo di sialoadenite, è necessario ricordare la prevenzione della malattia:

  • curare regolarmente la cavità orale, eseguendo procedure igieniche obbligatorie;
  • visita sistematicamente un dentista che effettuerà il trattamento necessario in caso di sviluppo della carie. malattie gengivali. vari processi infiammatori nella cavità orale;
  • effettuare un trattamento tempestivo in caso di raffreddore virale;
  • conduci tu stesso un'ispezione orale;
  • rafforzare il sistema immunitario in modo che il corpo possa far fronte all'infezione da solo.

Attenzione attenta al corpo, alimentazione razionale, rifiuto delle cattive abitudini, rispetto delle regole di igiene personale, trattamento immediato se necessario - garanzia di salute e benessere di ogni paziente.

Video correlati

E qual è la scialoadenite calcolosa della ghiandola salivare sottomandibolare, vedi nel video:

Infiammazione della ghiandola salivare: sintomi e trattamento

sintomi di infiammazione della ghiandola salivare, foto

La causa dell'infiammazione acuta delle ghiandole salivari è sempre la presenza di qualsiasi agente infettivo all'interno della ghiandola. A seconda dell'agente eziologico, la scialoadenite può essere:

1. Virale. Si sviluppa quando infetto da un virus della parotite (popolarmente, questa condizione è chiamata "parotite"), a cui le ghiandole salivari sono molto sensibili. Il virus viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria.

Dopo essere entrato nel corpo attraverso la membrana mucosa delle vie respiratorie, penetra nel tessuto della ghiandola salivare parotide, si moltiplica nelle sue cellule, provocando l'infiammazione. Quando l'infezione è generalizzata, entra nei testicoli dei ragazzi, portando al loro danno, che può in seguito portare alla sterilità.

2. Batterico. o non specifico. Si verifica quando un'infezione viene portata dalla cavità orale attraverso i dotti delle ghiandole, così come dall'interno attraverso il sangue e la linfa.
La microflora del cavo orale può portare allo sviluppo di scialoadenite acuta a causa dei seguenti fattori (circostanze):

  • Con scarsa igiene orale.
  • A causa dell'otturazione reattiva. La sua comparsa è facilitata dalla chirurgia addominale, così come da malattie che portano ad esaurimento generale, come neoplasie maligne, malattie gastrointestinali croniche, stress, disturbi alimentari e diabete mellito. In queste condizioni, si verifica un restringimento riflesso del lume dei dotti e una diminuzione della salivazione. La saliva inizia ad accumularsi nella ghiandola salivare, che è un buon terreno fertile per i microrganismi presenti nella cavità orale;
  • A causa dell'ostruzione meccanica, quando il condotto è ostruito da una pietra o da un corpo estraneo. In questo caso, anche i batteri all'interno della cavità orale iniziano a proliferare attivamente all'interno della ghiandola, provocando l'infiammazione.

L'introduzione di infezioni attraverso il sangue può essere osservata in gravi malattie infettive come il tifo, la scarlattina. Attraverso la linfa, la sialdenite si sviluppa nelle malattie infiammatorie del viso, della faringe, della mucosa orale: foruncolosi, ferite facciali purulente, tonsillite, periodontite.

La scialoadenite cronica nella maggior parte dei casi non è il risultato di acuta (sono indipendenti nel loro sviluppo). Questa malattia è inizialmente cronica, in quanto vi è una predisposizione della ghiandola salivare ai cambiamenti nel suo tessuto. Le cause della scialoadenite cronica possono essere dovute alla genetica, possono essere una conseguenza dei processi autoimmuni nel corpo, possono verificarsi come reazione a una malattia comune.

Alcuni fattori provocano lo sviluppo della scialoadenite cronica - stress, malattia, ipotermia, trauma, indebolimento generale del corpo.

Spesso lo sviluppo dell'infiammazione cronica si verifica in età avanzata, che è associato a un deterioramento dell'erogazione di sangue alle ghiandole salivari a causa dell'aterosclerosi, nonché a causa dei radicali liberi e dell'invecchiamento generale del corpo.

Sintomi di infiammazione della ghiandola salivare, foto

La parotite epidemica è caratterizzata da un esordio acuto, la temperatura corporea 39-40 ° C. C'è un gonfiore delle ghiandole salivari parotide su entrambi i lati, il dolore intorno alle orecchie, che è aggravato dalla masticazione. L'edema della ghiandola parotide è chiaramente visibile e si diffonde ai lati, quindi questa malattia è stata chiamata "parotite".

sintomi di scialoadenite foto 4

Negli adulti, le ghiandole sublinguali e sottomandibolari possono essere coinvolte nel processo. Pertanto, le manifestazioni cliniche della sialdenite sono suddivise in locali e sistemiche.

Nell'infiammazione aspecifica acuta della ghiandola salivare, i sintomi dipendono dal tipo di infiammazione. Le manifestazioni di scialoadenite acuta nella ghiandola salivare parotide in caso di prematura consegna di assistenza passano attraverso una serie di fasi successive - sierose, purulente e cancrenosi.

La scialoadenite sierosa è caratterizzata da secchezza delle fauci, dolorabilità e gonfiore nell'orecchio, mentre il lobo dell'orecchio è elevato.

Il dolore aumenta con il consumo, così come dopo la saliva riflessa alla vista del cibo. La pelle nell'area della ghiandola non è cambiata. La temperatura corporea potrebbe aumentare leggermente. Quando premuto sulla ghiandola salivare non viene rilasciato affatto, o si distingue molto poco.

La scialoadenite purulenta si manifesta con un forte aumento del dolore, che porta a disturbi del sonno, un aumento della temperatura corporea superiore a 38 ° C, c'è una restrizione quando si apre la bocca, il gonfiore si estende alle tempie, alle guance, alla mascella inferiore.

Quando si preme sulla ghiandola in bocca, il pus viene secreto. La ghiandola è palpabile, dolorosa e il rossore della pelle è osservato sopra di esso.

La scialoadenite gangrena può verificarsi rapidamente, con un aumento della temperatura, anche se, con un generale indebolimento del corpo, le sue manifestazioni possono essere moderate. Sopra la ghiandola, viene rivelato un sito di distruzione del tessuto cutaneo, attraverso il quale vi è una costante escrezione delle parti respinte della ghiandola salivare morta.

La malattia può essere fatale se l'infezione si diffonde in tutto il corpo e lo sviluppo della sepsi. così come il sanguinamento fatale durante lo scioglimento delle pareti dei vasi maggiori del collo.

L'infiammazione della ghiandola salmastra sottomascellare è caratterizzata dalla comparsa di edema nella regione sottomandibolare. La ghiandola diventa allargata, collinosa e molto dolorosa alla palpazione. Con un aumento dell'infiammazione, il gonfiore aumenta, il dolore si manifesta durante la deglutizione. Nella bocca, sotto la lingua vi è arrossamento e gonfiore, è anche possibile osservare il rilascio di pus dal condotto della ghiandola attraverso il suo dotto.

L'infiammazione della ghiandola salivare sottomandibolare può spesso essere calcolata. In questo caso, la causa dell'infiammazione diventa la pietra del dotto che si sovrappone, che si forma quando entra un corpo estraneo, frequente infiammazione nei dotti, così come una maggiore quantità di calcio nel plasma sanguigno.

I segni dell'infiammazione calcanea saranno:

  1. Un forte dolore lancinante, peggio durante i pasti;
  2. Scarico alterato della saliva;
  3. Bocca secca;
  4. Gonfiore e tuberosità della ghiandola sottomandibolare.

Quando si massaggia la ghiandola sotto la lingua, appare il pus. Il paziente può notare un aumento della ghiandola durante il pasto, il che rende il mangiare scomodo e nel caso difficile - impossibile.

L'infiammazione della ghiandola salivare ipoglossa è estremamente rara ed è una complicazione di un ascesso o di un catarro di origine dentale. Manifestato in gonfiore e indolenzimento, localizzato nella regione ipoglossa. Lo sviluppo della suppurazione esaspera la situazione.

Le manifestazioni di infiammazione cronica della ghiandola salivaria differiscono anche a seconda della forma:

1. scialoadenite cronica interstiziale nell'85% delle ghiandole salivari parotidee. Le donne anziane sono colpite più spesso. Per un lungo periodo può verificarsi senza sintomi. L'aspetto dei segni clinici è associato alla lenta progressione del processo patologico e al progressivo restringimento dei dotti della ghiandola.

Un peggioramento può iniziare bruscamente, con la comparsa di secchezza delle fauci. La ghiandola è ingrandita, dolorosa, la sua superficie è liscia. Dopo l'esacerbazione del ferro, la dimensione della ghiandola non corrisponde alla norma (è leggermente più grande della dimensione corretta).

2. La scialoadenite parenchimale cronica nel 99% dei casi si sviluppa nella ghiandola parotide. Più spesso le donne sono malate. A causa di cambiamenti congeniti nella struttura dei dotti, la fascia di età è molto ampia - da 1 anno a 70 anni. A volte la malattia dura per decenni senza alcuna manifestazione.

L'aggravamento si sviluppa come scialoadenite acuta. Lo stadio iniziale della malattia può avere solo un segno - il rilascio di una grande quantità di liquido mucoso salmastro quando viene premuto sulla ghiandola.

In futuro, potresti avvertire una sensazione di pesantezza nell'area della ghiandola, il suo consolidamento, la salivazione con una miscela di pus e grumi di muco. L'apertura della bocca è gratuita (illimitata). Lo stadio tardivo è caratterizzato da una ghiandola ingrossata e collinosa, ma indolore, il rilascio di saliva purulenta, la bocca secca raramente si presenta come un segno della malattia.

3. Sialodochite (solo danni ai dotti) si verifica negli anziani, a causa dell'espansione dei dotti delle ghiandole salivari parotidee. Un segno caratteristico - aumento della salivazione durante la conversazione e il mangiare. Questo porta alla macerazione della pelle attorno alla bocca (formazioni dei panini).

Durante una esacerbazione, la ghiandola si gonfia e secrezione saliva purulenta.

diagnostica

La scialoadenite acuta viene rilevata esaminando e interrogando il paziente. La scialografia non è ampiamente utilizzata nella medicina pratica, perché accompagnato da aggravamento del processo patologico con l'introduzione di un mezzo di contrasto. In questo contesto, il dolore si intensifica.

Nella scialoadenite cronica, al contrario, un metodo diagnostico efficace sarà quello di condurre la scialografia a contrasto, uno studio radiografico delle ghiandole salivari con l'introduzione di iodolipolo.

Nella variante interstiziale, verrà rilevato il restringimento dei dotti e la quantità di materiale di contrasto sarà piccola - 0,5-0,8 ml, rispetto alla normale "capacità" normale di 2-3 ml.

Nella forma parenchimale, ci sono cavità multiple, 5-10 mm di diametro, i dotti e il tessuto della ghiandola non sono visivamente rilevabili. Per riempire le cavità occorrono 6-8 ml di un mezzo di contrasto.

Trattamento dell'infiammazione della ghiandola salivare (sialoadenite)

Quando compaiono sintomi simili all'infiammazione acuta della ghiandola salivare, il trattamento deve essere eseguito in ospedale. Il più delle volte, la terapia viene eseguita con metodi conservativi, solo con lo sviluppo di un processo purulento, è indicata un'apertura chirurgica dell'ascesso.

Viene effettuato un trattamento sintomatico e vengono prescritti preparati di interferone, ad esempio leucemia. Gli agenti sintomatici in questo caso sono quelli che riducono la temperatura e riducono il dolore nell'area della ghiandola infiammata.

Scialoadenite acuta non specifica

Gli obiettivi del trattamento sono l'eliminazione del processo infiammatorio e il ripristino della secrezione di saliva. Pertanto, vengono visualizzati i seguenti eventi:

  1. Drool Diet. Consiste nell'uso di fette biscottate, crauti, mirtilli rossi, limone, integrati dall'ingestione di 5-6 gocce di soluzione all'1% di pilocarpina acido cloridrico (contribuisce alla contrazione riflessa dei muscoli dei dotti escretori della ghiandola salivare e della secrezione);
  2. Antibiotici - penicillina, gentamicina e antisettici - diossidina, furaginato di potassio vengono introdotti nel condotto;
  3. Un impacco con una soluzione al 30% di Dimexidum viene applicato all'area della ghiandola, una volta al giorno per 30 minuti. Ha effetto antinfiammatorio, analgesico, arresta lo sviluppo dell'infezione;
  4. Fisioterapia: UHF, riscaldatori;
  5. Con aumento dell'edema e dell'infiammazione - Blocco della novocaina-penicillina;
  6. Antibiotici all'interno;
  7. Soluzione endovenosa di trasilol, viene iniettato contrikala.

Trattamento chirurgico - Con lo sviluppo dell'infiammazione purulenta, un'ulcera viene aperta dall'esterno. In caso di una forma gangrenosa, viene eseguita un'operazione urgente in anestesia generale. In presenza di una pietra, viene rimosso, perché in caso contrario, il processo sarà ripetutamente esacerbato.

Nel periodo di esacerbazione, il trattamento viene effettuato come la scialoadenite acuta. Al di fuori della riacutizzazione, vengono visualizzati i seguenti eventi:

  • Massaggio dei condotti con introduzione di antibiotici all'interno per eliminare le masse purulente;
  • al fine di aumentare l'attività secretoria della ghiandola, i blocchi di Novocainic sono effettuati nel tessuto sottocutaneo, elettroforesi con galantamina o la sua somministrazione sottocutanea entro 30 giorni;
  • zincatura giornaliera per 1 mese;
  • introduzione alla ghiandola di 4-5 ml di iodolipolo 1 volta in 3-4 mesi, che impedisce lo sviluppo di esacerbazioni;
  • ricevendo il 2% di soluzione di ioduro di potassio all'interno di 1 cucchiaio. 3 volte al giorno per 30-35 giorni, il corso viene ripetuto dopo 4 mesi;
  • radioterapia sulle ghiandole salivari. Ha un buon effetto anti-infiammatorio e anti-infettivo;
  • rimozione della ghiandola salivare problematica.

Prevenzione dell'infiammazione

La profilassi specifica (somministrazione di vaccini) contro scialoadenite non esiste, tranne che per la parotite. In quest'ultimo caso, viene introdotto un vaccino in tre parti efficace contro il morbillo, la parotite e la rosolia. Sta vivendo inattiva. La vaccinazione fa i bambini in 1,5 anni.

L'immunità resistente è mantenuta nel 96% dei bambini.

La profilassi non specifica include le seguenti misure:

  • igiene orale standard;
  • riabilitazione di focolai di infezione in bocca;
  • prevenzione della stagnazione della saliva e moltiplicazione delle infezioni in caso di malattie infettive comuni, per ingestione di pilocarpina per bocca, risciacquo della bocca con soluzioni di furacilina, permanganato di potassio, rivanolo e altri antisettici.

Quale dottore contattare?

Se si sospetta un'infiammazione della ghiandola salivare, consultare un dentista o un chirurgo maxillo-facciale. Se sospetti una "parotite", devi contattare un pediatra e gli adulti - dal terapeuta.

Questi specialisti indirizzeranno il paziente a uno specialista in malattie infettive che si occupa del trattamento della parotite.

Quale medico cura l'infiammazione delle ghiandole salivari

La funzione principale delle ghiandole salivari è la formazione di un segreto che promuove l'addolcimento del cibo, la formazione di un grumo di cibo e facilita il suo progresso attraverso l'esofago.

Un intero complesso di ghiandole è responsabile della formazione di saliva nella cavità orale umana:

  • tre grandi coppie: parotide (situata appena sotto il padiglione auricolare), sottomandibolare (situata sotto la mascella inferiore) e sublinguale (situata su entrambi i lati della lingua);
  • molti piccoli, divisi per posizione sul molare, labiale, linguale, guancia e palatina.

Nella pratica medica ci sono varie condizioni patologiche delle ghiandole salivari, che influiscono sulla loro funzionalità e causano un numero di sintomi spiacevoli. I pazienti di diverse fasce di età sono diagnosticati con: scialoadenite, parotite, blocco dei dotti, malattia della pietra salivare, tumori benigni e maligni.

Come fattori scatenanti che contribuiscono allo sviluppo del processo infiammatorio, sono:

  • malattie infettive: influenza, polmonite, encefalite, ecc.;
  • rottura endocrina;
  • lesioni e interventi chirurgici;
  • assumere farmaci che riducono la produzione e l'ispessimento della saliva;
  • disidratazione e malnutrizione.

Ciascuna delle malattie dà il proprio complesso di sintomi, la cui gravità dipende dalla natura dell'infiammazione e dalla posizione della ghiandola interessata.

Sintomi di Sialoadenitis

Con il normale funzionamento di tutti i componenti ghiandolari, nella cavità orale, la saliva si forma in quantità sufficiente e la sua composizione è ottimale per la digestione. Se si verifica scialadenite, sintomi come:

  • cambiare la quantità e la consistenza della saliva;
  • cambiamento nel gusto;
  • movimento limitato della mascella;
  • dolore quando si mangia;
  • gonfiore o anche grave gonfiore nella zona della ghiandola infiammatoria.

Con un processo infiammatorio acuto o lo sviluppo di un ascesso, c'è anche un aumento della temperatura corporea e un brusco deterioramento del benessere generale.

Nella fase iniziale della malattia, una persona potrebbe non notare le manifestazioni della malattia o non prestare attenzione al sintomo finché il processo infiammatorio non causa dolore e gonfiore.

È importante! I processi infiammatori nella ghiandola salivare sono soggetti a frequenti recidive e si sviluppano in una forma cronica. Pertanto, anche se la condizione è migliorata drammaticamente subito dopo l'insorgenza della malattia, è necessario essere esaminati per sottoporsi a un ciclo di trattamento che lo specialista raccomanderà.

Sintomi di parotite

La parotite è un'infiammazione della ghiandola parotide causata da un'infezione virale. Per questa patologia è caratterizzata da un inizio acuto della malattia. Si manifesta edema parotide, doloroso alla palpazione, aumento della temperatura elevata.

Non esiste un trattamento specifico per questa malattia. La terapia si riduce ad alleviare i sintomi e fornire conforto a una persona malata.

I principali rischi della parotite sono le sue gravi complicazioni:

  • pancreatite acuta;
  • orchite;
  • oophoritis;
  • Owari;
  • meningoencefalite.

Tumori delle ghiandole salivari

Circa il 60% di tutte le neoplasie delle ghiandole salivari diagnosticate è benigno. Questi sono adenomi, adenolinfomi, cistoadenolinfomi papillari e tumori polimorfici. Il restante 40% sono stazioni intermedie (neoplasie mucoepidermoidi e carcinomi), oltre a sarcomi e tumori del cancro, che costituiscono il 10-25% dei casi.

Per fare una diagnosi corretta, è necessario un esame completo, che include, oltre alla serie standard di test di laboratorio, metodi diagnostici come:

  • ultrasuoni;
  • esame a raggi X;
  • risonanza magnetica;
  • biopsia;
  • esame istologico

Nella maggior parte dei casi, è indicato il trattamento chirurgico, che consiste nel rimuovere il sito del tumore.

Quale medico chiedere aiuto

A volte un dentista può diagnosticare la scialoadenite, che scorre senza sintomi pronunciati, quando si esamina la cavità orale. Tuttavia, nel caso di un tumore pronunciato, associato a dolore e febbre, è necessario contattare il terapeuta il più presto possibile, chi eseguirà l'esame, prescriverà la diagnostica necessaria e raccomanderà il medico per fissare un appuntamento. Con un'infiammazione non complicata, un trattamento conservativo sarà efficace, tra cui:

  • assumere farmaci (antipiretici, analgesici e se necessario antibatterici o antivirali);
  • comprime;
  • fisioterapia.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario consultare un chirurgo, un endocrinologo o un gastroenterologo, a seconda delle complicazioni che si presentano.